Dicembre = Natale = Freddo+Regali+Cibo+Parenti+Albero+Bevute = Birra

Questo è l’algoritmo inventato da Cesare durante una crisi mistica (anche le scimmie hanno le crisi, non ridere  👿  ).

Durante l’ascesi della sua anima, il piccolo Cesare ha raccontato di aver avuto delle visioni, dove ha visto una stella cometa, un Astro, che lo conduceva verso la Penisola sorrentina… una volta riaperti gli occhi ha chiesto di esser portato a Sorrento dal suo Giuseppe.

Il magio di Sorrento accolse il nostro piccolo peloso amico e lo immerse in una esperienza unica.

In realtà Cesare si sarebbe voluto immergere letteralmente in una bottiglia, ma il buon Giuseppe lo calmò con una pinta di Syrentum.

Fermato l’impeto del piccolo primate, il buon Schisano ci porse i suoi doni da buon Re Magio:

Parthenope –> Una ale scura fatta con l’aggiunta di noci di Sorrento dalle note palatali dolci, tendenti al cacao e al tostato.

Elea –> Una delle Italian Grape Ale del Birrificio, preparata utilizzando mosto di uve di Aglianico di Taurasi, dalle calde note vinose, con aromi caramellati e sapori di frutti rossi.

Astrum –> La stella cometa che una volta all’anno compare nei cieli di Sorrento per portar con se tutta l’esperienza natalizia partenopea di Giuseppe, con il suo tipico sapore di dolci natalizi (in particolare io riesco a percepire il sapore del roccocò…).

Mentre Giuseppe era intento a dispensare il suo sapere nell’arte brassicola all’interno del suo magico impianto, sentiamo dei rumori…. scopriamo che il piccolo Cesare stava rovistando tra i barattoli, ma questi non erano semplici contenitori, ma scrigni contenenti il frutto dell’unione di maestranze:

Birrificio Sorrento + Pasticceria Pina  = PanAstrum

Questo panettone artigianale è prodotto dalla Pasticceria Pina di Sant’Agnello ed è guarnito e farcito da una crema derivata dalla birra Astrum. 

La versione “mignon” del PanAstrum è lievitato e rinchiuso in barattolo, pronta ad essere liberato per sprigionare tutta la sua dolcezza.

Carichi di meraviglia e con Cesare decisamente alticcio, causa svariati assaggi fatti per tenerlo a bada, salutiamo il nostro Baldassarre Giuseppe con la promessa di diffondere il verbo di salvezza dall’appiattimento e conformismo industriale:

                                                                                                                         BEVI RESPONSABILMENTE, BEVI ARTIGIANALE!!  


                                                      

Ciro Buonaurio

Beer-Blogger per dipendenza, amo sperimentare e provare nuovi sapori.
Da un pò di tempo il piccolo Cesare è al mio fianco durante le avventure birraie.
Ciro Buonaurio

Latest posts by Ciro Buonaurio (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*